Giappone chiama Roma

5 Maggio 2016 ore 20.30

Giappone chiama Roma: il Sake incontra la cucina romana del Grappolo D’oro

Antonello Magliari, oste del Grappolo d’Oro (Chiocciola Guida Osterie d’Italia 2016), e Luca Rendina, sake sommelier, saranno gli artefici di una serata unica nel suo genere dove il sake, bevanda giapponese (titolo alcolometrico simile a quello del vino) ottenuta da un processo di fermentazione che coinvolge riso, acqua e spore koji, verrà abbinato per la prima volta in Italia ad alcuni dei piatti tradizionali della cucina romana.
Durante la cena è prevista una piccola introduzione all’arte della degustazione del sake a cura di Luca Rendina e Beregiapponese
Posti limitati e solo su prenotazione.

Il menù:

Fritto misto di pesce azzurro e verdure dell’orto
Sake in abbinamento: Ninki Black (Junmai Ginjo)

Il produttore di questo sake usa il miglior riso Gohiyakumanseki per iniziare la fermentazione Koji, e riso Chiyonishiki per la successiva fase Kakemai. La pastorizzazione viene effettuata una sola volta, per minimizzare l'ossidazione e il deterioramento dei principi attivi, conferendo al prodotto freschezza ed intensità

~~
Rigatoni al sugo di coda alla vaccinara
Sake in abbinamento: Koikawa Beppin (Junmai)

Junmai dal gusto delicato ma profondo, prodotto con riso Tsuyahime, varietá di riso che puó essere coltivata solo da agricoltori certificati, e che conferisce al sake un gusto ben bilanciato. Vincitore della medaglia d'oro di Slow Food Japan nel 2014.

~~

La Cacio e Pepe
Sake in abbinamento: Kikuisami Kura (Junmai Ginjo)

Prodotto solo con riso Miyamanishiki altamente selezionato, coltivato nella prefettura di Yamagata e tramite una tecnica manuale chiamata Futakouji. Questo prodotto ha vinto la medaglia d'oro dell'Istituto Giapponese di Ricerca sulla Fermentazione 12 volte. Nel 2014 e 2015 si e' piazzato secondo nella categoria Sake al London International Wine Challenge.

~~
Ossobuco con misticanza del Basso Lazio
Sake in abbinamento: Uroko Yamahai (Junmai Aged)

Per la produzione di queto sake vengono impiegate due varietá pregiate di riso e lievito Akari Ogawa; viene utilizzata la tecnica tradizionale Yamahaishikomi, che consiste nel mantenere la temperatura controllata durante la fermentazione e prevede l'utilizzo di lieviti indigeni. Dopo la maturazione in fusto per oltre un anno, viene imbottigliato e invecchiato in grotta per diversi anni.

~~

Zabaione di sake con Giglietto di Palestrina (Presidio Slow Food)

Costo: Soci Slow Food e Amici Beregiapponese.it 35 euro – Non soci 38 euro

Dove: Hosteria Grappolo d’Oro, Piazza della Cancelleria 80

Prenotazioni: 320-8840778